Translate

Potrebbe causare imbarazzo a Sua Maesta la Regina...

 

LONDON — With thousands of people demonstrating against President Trump outside Parliament, British lawmakers on Monday debated whether to deny him a formal state visit because — in the eyes of nearly two million Britons in an online petition — it would “cause embarrassment to Her Majesty the queen.”
The debate included the kind of political showmanship and heated language that members of Parliament often do well, with dueling lawmakers invoking Mr. Trump’s impetuousness, his strategic importance to Britain or even his willingness to misrepresent the weather during his inauguration as reasons to cancel or go ahead with the visit.
“The intellectual capacity of the president is protozoan,” said Paul Flynn, an opposition Labour lawmaker who led the argument against a state visit.
In making his case, Mr. Flynn quoted a journalist’s remarks about the disgrace of “pimping out the queen for Donald Trump” — a remark that the Conservative legislator Jacob Rees-Mogg condemned as unworthy, even as a quotation.
Mr. Trump would hardly be the first contentious leader to be honored with a state visit. The queen, acting as always on the recommendation of the government, has in the past received President Robert Mugabe of Zimbabwe, the Romanian dictator Nicolae Ceausescu and President Mobutu Sese Seko, the former leader of Zaire, now the Democratic Republic of Congo. After a recent visit with President Xi Jinping of China, she was caught on camera speaking of how “very rude” the Chinese leader had been.
“A queen who has been asked over the decades to host tyrants such as Presidents Mobutu of Zaire and Ceausescu of Romania is going to take a brash billionaire from New York effortlessly in her stride,” William Hague, a former foreign secretary, wrote in The Daily Telegraph.
Still, the prospect of Mr. Trump’s visit has stirred great passion in Britain. The online petition, backed by 1.8 million people, does not call for Mr. Trump to be barred from Britain altogether, only that his visit be a political one, without the involvement of Queen Elizabeth II.
Another online petition, signed by more than 300,000 people, called for the state visit to take place. 
Petitions with more than 100,000 signatures are eligible for parliamentary debate, and any vote would not be binding. The government of Prime Minister Theresa May has been firm in saying that the invitation to Mr. Trump for a full state visit this year will not be withdrawn.
In Parliament, Mr. Flynn cited the need to keep public trust in politicians and noted that no president had ever been invited for a state visit in his first year in office. He also accused Mr. Trump of acting “like a petulant child” and said the queen should not be seen as approving either his actions or his attitudes toward women and Muslims.
But a Conservative legislator, Nigel Evans, said that Mr. Trump was the president of a great ally of Britain and that the critics should “get over it.”
Mr. Trump was fairly elected, he said, adding, “I do respect that he stood on a platform on which he is now delivering.”
Alex Salmond, a legislator from the Scottish National Party, argued that the invitation should be rescinded because members should not confuse respect for the United States with a personal invitation to Mr. Trump.
Traditionally, American presidents must wait several years before getting a state visit, and many do not get one at all.
Mrs. May, after Britain’s vote in June to leave the European Union, was eager to cement good relations with the new American president, and she arranged a rapid visit to Washington. During the visit, she conveyed the invitation, which Mr. Trump accepted.
Leaving the European Union could lock Britain out of the bloc’s single market, a free-trade zone, as well as the customs union, which eliminates tariffs and customs checks. So Mrs. May has seemed eager to shore up her country’s relations with the United States as a counterbalance.
During the debate, a Labour legislator, David Lammy, spoke of Mr. Trump’s attitudes and asked why Britain should “abandon all its principles” and invite him, “because this country is so desperate for a trade deal that we would throw all our own history out the window?”
He said: “We didn’t do this for Kennedy. We didn’t do this for Truman. We didn’t do this for Reagan. But for this man, after seven days, we say, ‘Please come and we will lay on everything because we are so desperate for your company?’” He added, “I am ashamed that it has come to this.”
But James Cartlidge, a Conservative, said that if Britain canceled the visit, “there will be smiles all around in the Kremlin,” which wants to “divide the West.”
And another Conservative, Simon Burns, said that it was important to be “a candid friend” able to influence Mr. Trump and the United States, particularly so given Britain’s plan to leave the European Union.
Various opinion polls indicate that a small majority of Britons support the state visit. But there are also concerns that it would be met with large protests, comparable to 2003, when President George W. Bush made a state visit and many came out to protest the Iraq war.
The mayor of London, Sadiq Khan, supports the petition to disinvite Mr. Trump because of the president’s “ban on people from seven Muslim-majority countries” and his decision to block refugees from entering the United States.
“In those circumstances, we shouldn’t be rolling out the red carpet,” Mr. Khan said on Sunday.
On Monday, the House of Lords began at least two days of debate on a bill, already passed by the House of Commons, to authorize the government to enact Article 50 of the Lisbon Treaty, which would inform the European Union of Britain’s intention to leave the bloc.
The government intends to invoke Article 50 by the end of March, if not sooner, beginning at least two years of negotiations with the other 27 member states on the terms of Britain’s exit and a framework for future relations.

Lenin dell'Ecuador



Alberto Pasolini Zanelli
È un’eccezione, non si sa se basti, perlomeno ha un nome che risuona. La sinistra latinoamericana ha vissuto negli ultimi anni una rivincita che non molti si attendevano dopo il disastroso crollo dei suoi anni di gloria rimasti tuttora nella storia sotto il nome di Juan Peron. Una spinta che si era esaurita, divorata dalla riscossa liberaldemocratica in quelle stesse terre, che sembrava aver risolto la vecchia alternativa fra populisti e militari o comunque altre forme di governi autoritari. La sinistra risorse in attesa, cominciando proprio, invece che come al solito da una delle maggiori potenze nella zona, l’Argentina o il Brasile, da un Paese piccolo e non molto presente nelle grandi cronache internazionali: l’Ecuador. Risorse con uno slogan più che classista, culturale e di razza: la rivincita degli indigeni in Paesi, soprattutto nella regione andina, dominati dai conquistadores o semplicemente dagli immigrati europei. Poi l’ondata favorevole si estese con gli esperimenti in Paesi maggiori, dal Brasile, all’Argentina al Venezuela. Non durò molto. La sinistra rimane al potere soprattutto nell’America Centrale, nello storico Nicaragua sandinista, ma soprattutto nel piccolo Ecuador. Con maggiore successo che negli Stati fratelli e soprattutto con maggiore durata.
Se l’Argentina, il Brasile, il Venezuela hanno visto il collasso della sinistra, l’Ecuador è arrivato alla sua scadenza elettorale come la felice eccezione. Merito di uno statista e di un minerale. Il presidente Rafael Correa si definì rivoluzionario e mantenne la promessa, agevolato dal boom petrolifero. L’oro nero toccò i vertici nel suo prezzo proprio negli anni delle riforme e Correa non esitò a versare tutto quel liquido negli strati più poveri della popolazione, conseguendo così una comoda rielezione, appoggiata a cento dollari al barile. Il ritmo delle sue riforme fu così energico, riassunto in un gioco di parole. Correa non è solo un cognome ma anche il nome di una cosa: correggia, cintura, da usare non soltanto per tenere su i pantaloni ma per distribuire o almeno promettere cinghiate. Una minaccia che suonava come una promessa, soprattutto perché mantenuta.
Adesso è venuta meno non per motivi politici né economici, ma costituzionali: più di tante volte un presidente della Repubblica non è rieleggibile e così Rafael Correa va in pensione. In un momento comodo per lui ma non per il Paese, dal momento che il petrolio è da un pezzo ridisceso dalle sue vette e lo Stato Assistenziale è costretto a rientrare nell’armadio. La strada è aperta, dunque, agli aspiranti successori.
Si sono presentati in otto, che pare un’indicazione che quella poltrona è tuttora appetibile. Promettono correzioni diverse in rapporto al mutamento dell’economia. I più si presentano come riformisti, vale a dire più a destra del presidente uscente. Non promettono però di capovolgere le sue impostazioni politiche, ma di interrompere le erogazioni dal momento che il fiume del petrolio è in secca. Ci sono anche molti partiti a conferma del fatto che Correa, a differenza degli altri leader della sinistra sudamericana, ha rispettato il sistema democratico. Ci sono dunque dei centristi, c’è perfino una candidata democristiana, i rossi sembrerebbero in minoranza. C’è però qualcuno che li può salvare e non solo perché si presenta come il continuatore di Correa, ma per il suo nome: Lenin. Nome di battesimo non così raro nelle terre andine. Pare ce ne siano migliaia, ma lui si candida in una occasione quasi storica: sono esattamente cent’anni che il vero Lenin assunse il potere in Russia con una rivoluzione che assomigliava molto a un colpo di Stato e che diede vita all’Unione Sovietica che doveva durare tre quarti di secolo. Il Lenin minore, quello sull’Ecuador, si chiama di cognome Moreno. Il suo partito è Alianza Pais, la principale forza di opposizione è guidata da un ricco banchiere di nome Guillermo Lasso. L’uomo simbolo del capitale si distingue dal concorrente anche per come intende affrontare il problema di Wikileaks, il cui fondatore Julian Assange, ricercatissimo dalla polizia americana, si è rifugiato nell’ambasciata ecuadoriana a Londra. Se vincesse Lasso sarebbe probabilmente disposto a concedere l’estradizione. Lenin, invece, promette di difendere un uomo che è a suo modo rivoluzionario. Il primo turno gli ha dato ragione: 30 per cento a Lasso, 38 per cento a Lenin. Si rivedranno in aprile.

32 giorni di trumpismo

 Image result for foto trump

E' accaduto qualche giorno fa: mia moglie ha telefonato ad una cara amica, ci conosciamo da oltre 20 anni, le ha chiesto come stesse. La risposta è stata un entusiastico grido di amore per Donald Trump e i suoi primi 30 giorni alla Casa Bianca. Le obiezioni della signora che condivide da tempo il mio talamo nuziale sono state abbastanza precise scatenando l'ira della controparte, nota per essere oltre che una donna raffinata anche una cattolica fondamentalista. La telefonata si è conclusa con reciproco disgusto e sarà dura rimettere insieme i cocci di una antica amicizia.

I sostenitori di Donald Trump affollano a migliaia i comizi che il presidente ha ricominciato a tenere come se dovesse prepararsi alla campagna elettorale del 2020.

Le televisioni non amiche come la Cnn intervistano  i fans di "riporto arancione". I commenti sono all'insegna dell'entusiasmo perché nonostante le critiche, nonostante le gaffes (ultima quella di aver citato un ipotetico attentato in Svezia), nonostante le decine di ordini esecutivi che non hanno trovato pratica attuazione  parlamentare, milioni di americani si sentono pienamente rappresentati da questo personaggio

Hector Herrera è un handy man, un aggiusta tutto. Messicano, un paio di matrimoni alle spalle con cinque figli, mi ha detto che è più che soddisfatto per aver votato Donald Trump, un presidente che, secondo lui, mantiene quello che aveva promesso in campagna elettorale.

Quanto al fatto che Donald Trump abbia definito la stampa "nemico del popolo americano" per Hector si tratta  di una accusa molto vera perché, secondo lui, i giornalisti sono una categoria composta da mestatori pronti a scrivere tutto e il contrario di tutto a pagamento.

Come giornalista ringrazio il mio collaboratore messicano che non sembra particolarmente turbato.

Scrivo questo pezzo lunedì 20 febbraio, President's Day, anche se sono migliaia quelli che stanno sfilando in 25 città degli Stati Uniti innalzando cartelli con la scritta "Not My President's Day".

La spaccatura verticale che divide gli americani da decenni si è andata accentuando. Il vallo e' oggi ancora più largo al punto che si sono modificate consolidate abitudini del vivere quotidiano.

I trumpisti rifiutano inviti a cena per evitare discussioni con qualche odiato liberale. Intorno ad un tavolo vige il precetto massonico secondo il quale nelle tornate non si parla di politica e religione.

Quanto al sesso è un argomento che per molti della nostra età rappresenta solo un tema di carattere letterario. Per cui non sai di che parlare.

Resta comunque l'interrogativo di fondo: ce la farà Donald Trump a superare la boa del primo mandato? E la risposta è, tanto per cambiare, 50% si' e 50% no.
__________________________________________
DELLA SERIE TE TU TI INTRUMPI.
Giuseppe Rigoni
______________________________________
Oscar Bartoli sempre delicato e interessante da leggere.
Giovanni Lani
__________________________________________


Stato-privati: ultimo bivio per il futuro dei servizi pubblici

Lo Stato guidi con autorevolezza la privatizzazione dei servizi pubblici



Articolo di Romano Prodi su Il Messaggero del 19 febbraio 2017

Ogni tanto, anzi assai spesso, si riapre in Italia il dibattito sulle privatizzazioni. Di solito si tratta di discussioni fondate su posizioni quasi teologiche fra chi pensa che tutto il bene risieda nel pubblico e chi ne fa invece la sede e l’origine di ogni male. La discussione di questi giorni sulla privatizzazione delle ferrovie e su un ulteriore passo in avanti della privatizzazione delle poste procede nella stessa direzione.
A questo punto ci serve una riflessione chiara e semplice per approfondire vantaggi e svantaggi, rischi e pericoli delle diverse scelte.
Partiamo dalla premessa che di pubblico nel sistema produttivo italiano vi è rimasto ben poco: dopo le ondate di privatizzazioni compiute in passato ci troviamo ormai tra i paesi europei nei quali la mano pubblica è meno presente nel settore produttivo, anche se si sta compiendo un  cammino inverso nei confronti di alcuni istituti bancari (a partire dal Monte dei Paschi di Siena) messi a dura prova dalle crisi degli ultimi anni.
Un nuovo processo di privatizzazione non può quindi fondarsi su presunte richieste europee di ridurre il nostro sistema pubblico, richieste che non sarebbero fondate su fatti reali.
Rimane invece valida la motivazione legata alle conseguenze positive degli introiti delle vendite nei confronti del nostro debito pubblico. Un argomento certo fondato ma comunque di importanza modesta, dato che non può che essere modesto il possibile ricavo delle residue privatizzazioni. Sia nel caso delle ferrovie che in quello delle poste la funzione di servizio di pubblica utilità non potrebbe infatti venire a meno in caso di privatizzazione.  Questo tanto nell’ipotesi della vendita di una quota di maggioranza che di una quota di minoranza delle ferrovie o delle poste. Gli investitori sono evidentemente riluttanti a pagare prezzi elevati per aziende riguardo alle quali rimane rilevante il potere regolatorio pubblico, particolarmente imprevedibile e volubile in Italia.
Si deve inoltre sottolineare che si tratta di aziende nelle quali i settori capaci di ricavare profitti si accompagnano ad altrettanti settori nei quali prevale invece la funzione di utilità sociale, come accade per i treni regionali o per la consegna della corrispondenza nelle aree periferiche del paese. Il processo di privatizzazione, per portare entrate, dovrebbe essere perciò limitato ai compartimenti o alle divisioni potenzialmente profittevoli (come l’Alta Velocità) riguardo ai quali bisogna tuttavia tenere in conto la perdita dei loro profitti futuri.
Mentre cioè il processo di privatizzazione delle aziende operanti in regime di concorrenza è intellettualmente semplice, la messa sul mercato delle imprese con un grande contenuto di utilità sociale e operanti in situazione di monopolio naturale deve essere portata avanti tenendo conto di tutti i conseguenti gravami. Per questo motivo gli altri grandi paesi europei sono stati estremamente prudenti a procedere alle privatizzazioni di questi settori.
Non si può inoltre trascurare il fatto che solo i grandi concorrenti stranieri sarebbero  disposti a pagare prezzi elevati per arrivare al controllo dei rami più promettenti delle nostre pubbliche utilità. E se questo avvenisse, dopo che abbiamo perduto tutte le grandi imprese  italiane, emigrerebbe verso l’estero anche il controllo dei nostri più importanti servizi pubblici. Proprio al contrario di quanto stanno facendo le poste e le Ferrovie degli altri maggiori paesi europei che, a partire da quelle tedesche, stanno estendendo la loro influenza a livello continentale come strumento di rafforzamento della loro strategia economica.
È quindi nostro interesse mantenere una presenza in questi campi anche tenuto conto dell’incredibile indebolimento del sistema di trasporto aereo, degli autotrasporti e della penetrazione nel nostro mercato delle organizzazioni straniere (pubbliche e private) di consegna delle merci a domicilio.
Non voglio con questo escludere ogni processo di privatizzazione in questi delicati campi. Insisto solo sul fatto che questo eventuale processo deve tenere conto degli obiettivi di utilità sociale e del possesso dei necessari strumenti di rafforzamento del sistema economico elencati in precedenza.
Dato che in Italia i dibattiti non nascono mai soli voglio solo richiamare quanto sta avvenendo nella controversia fra i taxisti e i gestori di servizi di Noleggio con Conducente (Ncc). In questo settore obblighi e privilegi si mescolano e si confondono fra di loro in modo inestricabile, con la conseguenza di provocare costi aggiuntivi, inefficienze e tensioni che durano ormai da decenni.
Quando le categorie si schierano le une contro le altre, come è avvenuto in questi giorni, vuol dire che le pubbliche autorità hanno rinunciato al dovere di imporre regolamenti tra di loro coerenti. Non sapendo resistere alla pressione dell’una o dell’altra categoria esse rinunciano al loro dovere di esercitare la necessaria autorità.  Se, in conseguenza di un’auspicabile decisione, sciopereranno tutte e due le categorie, la decisione presa sarà probabilmente quella giusta.
   

Executive Order 9066 (Feb. 19, 1942)

 Image result for pictures of the internment camps

Image result for pictures of the internment camps

 Settantacinque anni fa il presidente Franklin D. Roosevelt autorizzo' la creazione dei campi di internamento dove vennero rinchiuse centinaia di migliaia di famiglie giapponesi, tedesche e italiane. Gli italiani in America rappresentavano la componente etnica piu' numerosa. Quelli che non erano riusciti a ottenere la cittadinanza americana sia che fossero simpatizzanti o anti fascisti, studenti, commercianti, naviganti  furono privati della liberta' e chiusi nei campi.

Alla fine della Seconda Guerra Mondiale sono stati riabilitati ed hanno ottenuto risarcimenti.

Molti si chiedono se il presidente Trump non voglia ispirarsi a quel precedente storico di Roosevelt nella sua politica di anti immigrazione.

__________________________________________

Anche i tedeschi crearono i loro campi, ma si trattava di campi di sterminio dove con tecnica industriale venivano eliminati migliaia di prigionieri al giorno.